Il Baja India apre le porte alla Dakar 2018

Nel 2015, CS Santosh fu il primo pilota indiano a partecipare alla Dakar. Due anni dopo, la delegazione è raddoppiata con il rinforzo di Aravind Prabhakar.

C’è senza dubbio una tendenza in crescita nell’area di Bangalore, dove si sono stabiliti i due pionieri in questione. Ma è proprio a migliaia di chilometri di distanza dalla terza città del Paese, nel cuore del deserto del Rajasthan, che si terrà la prima edizione del Baja India dal 7 al 9 Aprile, destinata a diventare l’appuntamento nazionale del fuoristrada.

Le performance di CS, giunto all’arrivo della Dakar 2017 a Buenos Aires in 36ª posizione, hanno decisamente ispirato i piloti di cross ed enduro che avranno l’opportunità di effettuare un test di resistenza da superare al Baja India, con due tappe di oltre 200 chilometri di sabbia e piste in due giorni.

Sarà in base a questa prova che verrà selezionato il vincitore di un Dakar Challenge, aggiudicandosi inizialmente una partecipazione gratuita per l’edizione 2017 del Merzouga Rally. Se la crescita nel mondo del rally raid sarà confermata dal vincitore nelle dune del Marocco, allora avrà tutte le possibilità di diventare il terzo rappresentante indiano alla Dakar 2018.

Lancia Ypsilon Unyca, la nuova serie speciale casual e dinamica
Lo stile di The Outlierman racconta il mito Pagani

Potrebbe interessarti…

Menu