KADJAR 4X4, SE RENAULT DECIDE DI SPORCARSI LE RUOTE CON IL FANGO

DI CARLO MANDELLI

Kadjar si sporca di terra, polvere e fango, con la trazione 4×4 pensata (anche) per l’avventura.

Novità in casa Renault, dove il Suv di segmento C di casa si rinnova e si lancia sugli sterrati con la nuova trazione integrale, quella stessa che qualche giorno fa siamo andati a testare direttamente fuori dalle strade asfaltate, nelle campagne della provincia pavese, tra sentieri e canali scavati nel fango, tra filari di pioppi, campi arati e gli argini del Lambro (meridionale). Il tutto, reso ancora più interessante dalla pioggia a catinelle caduta prima, dopo e pure durante il nostro giro. Risultato: il nuovo Kadjar 4×4 funziona e non chiamatelo Suv solo per la città, perché potrebbe non prenderla affatto bene.

Diverse sono le novità che riguardano il nuovo Kadjar, a cominciare proprio dalla motorizzazione, per la quale sul mezzo francese fa oggi capolino il nuovo propulsore 1.7 Blue dCi da 150 cavalli e un cambio manuale che, diciamocelo, su e giù per i sentieri ha ancora tutto il suo fascino. Il 4×4 d’oltralpe è perfettamente a suo agio sulle strade scivolose, che magari potrebbero essere quelle invernali durante un non meglio specificato viaggio per raggiungere le stazioni sciistiche, ma anche su fondi ben più comuni al volante di tutti i giorni. La trasmissione 4×4 si gestisce tramite il selettore posizionato sulla console centrale, dietro alla leva del cambio e grazie al quale si possono scegliere le diverse modalità possibili di guida. Se in modalità 2WD la trazione si applica solo alle ruote anteriori, la modalità ‘auto’ affida invece la gestione della trazione ai sistemi elettronici che si adattano al tipo di percorso. La trazione integrale ‘dura e pura’, poi, è invece quella che si inserisce in modalità ‘lock’, con il cinquanta per cento della coppia destinata alle ruote posteriori (almeno fino al raggiungimento dei 40 km orari).

La variante a quattro ruote motrici, su Kadjar, è stata pensata sia per la versione Sport Edition (che abbiamo ugualmente testato nei giorni scorsi, questa volta tenendoci però alla larga dal fango e dai fiumi) così come per la nuova Black Edition, ovvero l’allestimento che caratterizza l’alto di gamma del Suv compatto alla francese di Renault, che propone i nuovi cerchi in lega da 19 pollici ‘Total Black’, ski anteriori/posteriori e un look distinto dal resto della gamma grazie alla tinta di serie Nero Etoilé e al cielo dell’abitacolo in tinta nera. Su questa versione è inoltre disponibile di serie (e male non fa) la nuova selleria Alcantara con cuciture rosse che strizzano l’occhio ad un carattere volutamente aggressivo della versione top di gamma di Kadjar. E per comunicare sul mercato il lancio del nuovo arrivato, Renault che fa? una collaborazione con Amazon che porta alla creazione di The Wild Store, ovvero un temporary shop in alta quota dove trovare un televisore a prezzo stracciato, però solo se il negozio lo raggiungi bordo di Kadjar 4×4 dopo esserti iscritto all’evento. Insomma: vuoi la tv? tutta tua, ma vienitela a prendere se ci riesci.

LA “SECONDA” DEL SECONDA PIENA
ALLA WOODSTOCK DI PORSCHE NELLA TERRA DEL MOTORE

Potrebbe interessarti…

Menu