Suzuki Katana, un design rivoluzionario

Moto, News

In concomitanza con la Milano Design Week, Suzuki ha presentato la nuova Katana che ha debuttato proprio al Fuorisalone durante l’evento più importante al mondo nel settore del design.

Negli anni Ottanta la Katana originaria stravolse le regole del mondo motociclistico mettendo per la prima volta il design al centro del progetto di una moto. Oggi, la nuova Katana ripropone quel leggendario approccio e cambia ancora gli scenari del settore. Rivisitando quelle forme ispirate alle mitiche spade tradizionali giapponesi e rivestendo con esse la tecnologia più avanzata, la Katana stimola la sfera interiore del pilota e ne diventa un’estensione, portando in una nuova dimensione l’interazione tra l’uomo e la moto.

Un’integrazione che traspare anche nella guida: la Katana traccia le traiettorie con precisione grazie a un telaio rigido e compatto e alle sospensioni regolabili. L’impianto frenante, dotato di pinze anteriori ad attacco radiale Brembo, assicura potenza e modulabilità ed è supportato da un sistema ABS Bosch. Il quadro tecnico è arricchito dai sistemi Suzuki Easy Start System e Low RPM Assist, che facilitano avviamenti e partenze, e dal controllo elettronico della trazione regolabile e disattivabile, che rende più agevole la gestione dei 150 cavalli di potenza del motore.

Ogni Katana acquistata entro il prossimo 30 aprile sarà consegnata in una speciale Launch Edition con un silenziatore Akrapovic in titanio compreso nel prezzo di 13.690 euro f.c., un accessorio capace al tempo stesso di esaltare la sportività della linea e di dare un timbro più deciso al motore e che, in condizioni normali, costerebbe 900 euro. La moto può essere eventualmente prenotata anche on line.

Inoltre, con l’arrivo dei primi esemplari nei concessionari, Suzuki ha inserito la Katana nel gruppo delle moto protagoniste del DemoRide Tour 2019, l’iniziativa che dà modo agli appassionati di provare gratuitamente su strada la gamma moto Suzuki coinvolgendo numerosi concessionari sparsi su tutto il territorio nazionale. Per partecipare è sufficiente registrarsi on line e selezionare data e luogo preferiti. Il sito permette di controllare immediatamente la disponibilità della moto nelle varie fasce orarie previste per i DemoRide. Le prove hanno una durata di circa trenta minuti e si svolgono su strade aperte al traffico, sotto la guida di apripista dell’organizzazione Suzuki.

Dakar 2020, inizia l’era dell’Arabia Saudita
La Mille Miglia attraversa Modena e incontra il Motor Valley Fest

Potrebbe interessarti…

Menu